Report del 7 febbraio 2020

Continua questa lunga serie di giornate primaverili; inoltre, le ore di luce sono aumentate sensibilmente. Le Cinciallegre entusiaste cantano il loro canto di primavera, i picchi tambureggiano e le Tortore dal collare, che non sanno vivere lontano dalle abitazioni dell’uomo, sui tetti delle cascine si impegnano nel loro buffo rituale di corteggiamento.
Si può notare anche qualche cambiamento tra i contingenti degli uccelli. Le anatre sono di molto diminuite in numero: più che di un vero movimento potrebbe essere un semplice effetto della chiusura della stagione della caccia, cosa che ora permette loro di restarsene tranquille anche altrove.
E’ invece possibile che le tantissime Cesene arrivate questa settimana costituiscano davvero un primo movimento migratorio.
Interessante l’osservazione oggi di una Moretta – una femmina – presente sul lago; alla Cassinazza non ci sono acque veramente profonde e l’arrivo di un’anatra tuffatrice rappresenta sempre una eccezione.
Il Pettirosso è un’altra delle specie che caratterizzano la stagione invernale, e anche un poco di più del solo inverno, visto che arriva all’inizio dell’autunno e rimane con noi fino a primavera inoltrata.