Report del 21 settembre 2019

Nuovi ospiti sono arrivati, e tutti preannunciano quelle che saranno le specie dell’inverno: il Pettirosso, il Tordo bottaccio, la Ballerina gialla, la Canapiglia, il Falco pellegrino e i Lucherini. Per questi ultimi, una data di arrivo abbastanza precoce: spesso tanto anticipo è pronostico di una stagione di abbondanza per questa specie.
I migratori di passo, non hanno mostrato grandi movimenti: solo il sorvolo da parte dei  Prispoloni e di almeno una decina di Cicogne bianche; nei giorni scorsi erano comparse anche due Cicogne nere: un adulto e un giovane.
Come previsto, nelle zone umide della Cassinazza ora si sono rifugiati moltissimi Germani reali – si possono stimare in circa duemila –  mentre il numero delle Alzavole più o meno è rimasto invariato. Se ne sono andati i Mestoloni, che evidentemente erano solo di passo, e sono partiti anche gli ultimi individui ritardatari di Cavaliere d’Italia.
Un’altra specie che sta per lasciare le nostre zone è l’Airone rosso; ancora oggi ne abbiamo osservati alcuni, ma tra poco se ne andranno e li rivedremo solo la prossima primavera. Come molti altri degli specialisti del canneto, anche l’Airone rosso è molto abile nel nascondersi alla vista; ma in questo caso, un paio di canne – e per di più secche – non sono bastate a mimetizzarlo!