Report del 09 febbraio 2019

Le nottate sono ancora gelide, però durante il giorno la forte escursione della temperatura lascia sperare, se non nell’arrivo della primavera, almeno nella fine dell’inverno. L’impressione è rafforzata dai primi ronzii di insetti e dal trillo del Rospo smeraldino. Poi cala la sera e il freddo si prende la rivincita. Il numero delle anatre – Germani reali e Alzavole – nel giro di due settimane si è praticamente dimezzato e non è solo perché per i Germani si avvicina il periodo degli amori. Dopo la chiusura della stagione di caccia, con la fine di Gennaio, le anatre non sono più costrette a cercare rifugio nella sicurezza della Cassinazza, quindi si possono permettere di disperdersi su tutto il territorio, anche nei posti che fino a pochi giorni fa erano off-limits. Nei giorni durante la settimana sono stati rivisti i Cigni reali (questa volta un adulto accompagnato da due giovani) e un Nibbio reale. Senza dubbio, però, l’osservazione più importante è stata quella di uno Zigolo muciatto, il primo della sua specie che sia mai stato avvistato alla Cassinazza.
Le Cicogne sono ritornate (solo una coppia rimane residente durante la stagione più fredda). Ora tre coppie si sono già insediate sui loro vecchi nidi. Se ne restano assieme sul nido per ore, ogni tanto facendo risuonare i becchi nel loro rituale di saluto: rafforzano il legame di coppia, il tempo di deporre le uova è ancora lontano.