La lente d’ingradimento

una pagina per raccogliere approfondimenti, riflessioni, note curiose, eventi eccezionali…

16 Ott 2018

La famosa invasione delle Martore in Pianura

Qualche anno fa destava scalpore. Ora non più, ma ogni testimonianza di Martora in Pianura desta interesse e curiosità. Nei libri, nelle favole, tra gli zoologi e nella credenza popolare la Martora è sempre stata la cugina di montagna della Faina. La Faina quaggiù in pianura, con la Donnola, a entrare nelle storie dei contadini che raccontano di scorribande nei pollai, e la Martora lassù, arrampicata su un albero, nei boschi montani. Eppure da diversi anni la Martora è scesa dalle alture e sta sostituendo la Faina. Il motivo? Lo stanno ancora studiando. Vi terremo aggiornati. Intanto andate a vedere il video della Martora della Cassinazza su Instagram!

View this post on Instagram

#martoraincassinazza #cassinazza #naturaincassinazza

A post shared by Neorurale (@neorurale) on

16 Ott 2018

Piccoli abitudinari

Uno dopo l’altro, nei cespugli, sugli alberi, in volo. Acuti e sottili, i richiami dei luì piccoli riempivano la Cassinazza. Tanti, tantissimi. Nonostante viaggino solitari, non in stormi, i luì piccoli partono tutti nello stesso periodo. Degli abitudinari, come i nostri villeggianti agostani. Per fortuna il cielo non ha strade che si ingolfano e loro possono sfrecciare via, abbandonando il Grande Nord che sarà presto invaso dal gelo. Le giornate che si accorciano, le temperature che scendono e una voce interiore, perfettamente regolata, che gli dice di partire: tutto questo fa arrivare, ogni anno, i luì piccoli nella prima metà di Ottobre e in queste date, giorno più, giorno meno, c’è sempre stato un giorno in cui vi abbiamo raccontato: Oggi la Cassinazza pullulava di Luì piccoli.  E il grafico, che riporta quante volte abbiamo visto i lui piccoli in un certo momento dell’anno, ci racconta proprio di questo arrivo, della loro presenza in inverno e della loro assenza in estate. Anno dopo anno, sempre uguale.

29 Set 2018

Il Falco pescatore

Grande volatore, bellissima silhouette, incredibile quando pesca e incline a posarsi in piena vista, su rami esposti e privi di fogliame: il Falco pescatore ha una attitudine da Star. A corroborare questa sua predisposizione a farsi osservare c’è anche una abitudine migratoria che lo porta a fare i suoi lunghi viaggi a tappe rilassate. Per passare dall’emisfero Nord, dove passa l’estate, alle calde zone tropicali e subquatoriali, dove passa l’inverno, il Falco pescatore impiega diverse settimane, a volte mesi, fermandosi spesso e lungamente nei siti che gli permettono riposo e buone possibilità di pesca. Cosicchè noi appassionati abbiamo tutto il tempo di passarci la voce per andarlo a vedere.

 

06 Set 2018

Il nuovo arrivato: il Marangone minore

Questa estate è comparso, per la prima volta in Cassinazza, il Marangone minore, il più piccolo della famiglia dei cormorani. Originario dell’Asia e del Nord Africa, negli ultimi anni ha iniziato ad espandersi anche in Europa. In Italia è comparso, pochi decenni fa, sul Delta del Po, nelle valli di Comacchio. In Lombardia, il primo, solitario, Marangone minore è stato visto durante l’inverno del 2014 nelle belle valli protette del mantovano. Da quell’ anno è andato aumentando fino ad arrivare a diverse centinaia di individui, sempre nelle zone umide di Mantova. Il suo arrivo nelle acque tranquille della Cassinazza era solo questione di tempo. Come dice la canzone: quando c’è una porta aperta, prima o poi, si sa. Chissà che la sua presenza non aiuti a tenere controllati i piccoli siluri, dopo che quelli adulti di grandi dimensioni sono stati rimossi l’anno passato.

Aggiornamento al 29 settembre: i Marangoni minori sono aumentati con regolarità ed ora sono 11. A quanti arriveremo questi inverno?